Traduttore freelance: come scegliere quello giusto

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Il traduttore freelance è una professione di origine anglosassone derivante dal verbo to translate ossia tradurre e freelance ossia libero professionista.

Identifica una professionista lavoratore autonomo con grandi competenze linguistiche, capacità redazionali e capacità di lavorare in modo professionale.

 

Come diventare un traduttore freelance

 

Professione complessa ed autonoma che richiede, innanzitutto, un percorso formativo e professionale di specifico ossia, un percorso di studi mirato alla padronanza della lingua oggetto, della traduzione e una buona conoscenza degli strumenti informatici di base.

La conoscenza della lingua passiva è data, non solo dal percorso di studi che si è concluso, come laurea in lingue o in interprete e traduttore, ma anche dal soggiorno nei Paesi in cui si parla la lingua in cui ci si sta specializzando.

Oltre alla lingua passiva è fondamentale anche un’ottima conoscenza della lingua attiva ossia di quella per la quale è richiesto il lavoro di traduzione.

 

Come lavorare: freelance o agenzia?

 

Stabilite le competenze necessarie è fondamentale capire come si vuole lavorare.

E’ possibile infatti decidere di lavorare autonomamente oppure tramite apposite agenzie.

Nel primo caso sarà necessario farsi conoscere per cui per i primi tempi i guadagni saranno esigui, mentre lavorando per agenzie specializzate sarà più semplice farsi conoscere ed avere delle commesse e guadagni costanti.

Nel caso in cui si decida di lavorare come lavoratore autonomo si dovranno considerare una serie di aspetti che vanno dal reddito che si vuole ottenere , si potrà gestire liberamente il tempo necessario per la produzione del lavoro, le ferie che si vorranno fare e si dovrà provvedere all’accantonamento pensionistico in modo autonomo.

Le tariffe che saranno applicate per il lavoro potranno essere liberamente scelte sulla base del numero di parole del testo originale.

 

Come scegliere il traduttore freelance

 

siti per traduttori freelanceE’una scelta molto delicata.

Nel mercato del lavoro traduttori qualificati e altri che, pur non avendo alcun titolo di studio specifico, e non svolgendo l’attività professionalmente hanno ottime capacità redazionali.

Esiste più di un criterio per poter effettuare la scelta.

Generalmente affidarsi ad un’agenzia è il modo più semplice.

Il ruolo dell’agenzia è quello di inserire all’interno delle figure professionali selezionate in base alla loro esperienza, valutate per le loro capacità e per i lavori prodotti.

Sostanzialmente tramite l’agenzia è possibile reperire un traduttore idoneo per le esigenze del committente.

Di contro scegliere un traduttore sulla base dei titoli accademici ottenuti o sull’esperienza effettuata all’estero potrebbe far incorrere in valutazioni errate.

Esistono infatti alcuni traduttori certificati che non sempre sono in grado di lavorare in modo puntuale e professionale.

Le competenze devono necessariamente essere accompagnate da capacità redazionali e da capacità di lavorare autonomamente.

A prescindere dalla scelta che si andrà ad effettuare, il modo più semplice ed immediato per reclutare il traduttore freelance è il web.

Sono molteplici i siti internet presso i quali è possibile trovare il personale che si potrà occupare di traduzioni specializzate per tipologia o per settore e per qualsiasi lingua.

Alcuni siti specializzati inseriscono all’interno del loro staff unicamente traduttori professionisti dotati di adeguati titoli che vanno dalla laurea ad attestati rilasciati per la frequenza di corsi specifici.

 

Fonte: www.addlance.com

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Potrebbero interessarti anche...