Stivale in pelle lavorare – come rompere rapidamente e facilmente forme

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

comprare stivali da lavoro, sono spesso un’impostazione un po’ a disagio. Pelle non si muove molto bene, e stivali da lavoro non sono diversi, che richiedono che essere rotto se si prevede di spostare comodamente in loro. Mentre qualsiasi metodo di rottura con gli stivali è un metodo accettabile, qui ci sono due modi rapidi che possono rompersi nel loro stivali di lavoro in un breve periodo di tempo.

il trucco dell’acqua

il trucco di acqua è un noto per rompere nel baseball guanti ed essenzialmente funziona allo stesso modo con il lavoro in pelle stivali pure.

  • mettere gli stivali nell’acqua in una vasca da bagno fino a quando egli ha completamente imbevuto.
  • una volta sembrano essere completamente bagnato, per mettere i sacchetti di plastica nei piedi (antiaderente) e stivali, li utilizza fino a secco.
  • stivali dovrebbero ridursi ai contorni dei vostri piedi e mi sento molto più comodo quando essi sono essiccati arresto completamente.

il trucco di punto di dolore

molte persone non vogliono provare il trucco dell’acqua a causa delle preoccupazioni circa danno la pelle. Così un altro metodo utilizza sfregamento di alcol.

  • utilizzare gli stivali ai suoi piedi feriti e in grado di identificare i luoghi del dolore.
  • tenere i piedi nel bagagliaio e identificare dove fa male il piede – dab aree con tamponi di cotone che hanno stati imbevuti di alcool per farlo espandere.
  • continuare a camminare nella loro fino a quando l’alcool è asciutto.

il metodo di alcol dovrebbe comportare meno disagio come voi indossate i vostri stivali.

trovare la coppia di destra

funzionerà con qualsiasi altro metodo di rompere la pelle per le scarpe le stesse opere per guanti da baseball ed altri articoli di cuoio. Ma ricordate, un buon paio di stivali da lavoro in pelle può essere confortevole dall’inizio, quindi non abbiate paura di provare più di una coppia per essere sicuri che siete soddisfatti.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Potrebbero interessarti anche...