Il grande renouncement maschio del XIX secolo

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

ha avuto un intenso periodo di cambiamento sociale, politico e nelle zone di moda durante il XIX secolo. Gli uomini sempre più più adottano un debole per l’abbigliamento scuro; in particolare nero è emerso come una scelta preferita di colore tra i vari settori della popolazione maschile. Tendenze nell’abbigliamento alla semplicità funzionale è diventato prominente nel 1800s in anticipo. La girata del secolo anche portato lungo un gruppo emergente di ultra alla moda uomini conosciuti come ‘dandies’, il meglio conosciuto essendo Beau Brummell. Il primo dandy inglese dice infatti che l’abbigliamento pretenzioso e l’uso di colori tessuto al fine di attirare l’attenzione di partecipare nella società ed eccezionale in modo inadeguato.

“piuttosto che dovrebbe essere ritenuta rigoroso nel suo vestito,” come suggerisce il Baudelaire. Un altro fattore importante da considerare è l’etica borghese che è sorto in un contesto di lotta per l’uguaglianza. Teorico culturale Flügel supporta Baudelaire nel suo argomentare che c’era una riduzione drammatica al maschile sartoriale guardaroba. Gli uomini ha rinunciato la volontà di essere splendidamente e riccamente vestita, cercando invece di essere puramente pratico e funzionale. L’emergere dell’abito tre pezzi è stato un esempio di tali cambiamenti nell’ideologia sartoriale. Il vestito di cupa austero e ascetico forme considerate socialmente ‘corretti’. L’avanzamento della moda estetica era quasi nella sua interezza per la popolazione femminile.

in un momento precedente, royalty aveva sottolineato la sua vicinanza al potere attraverso tessuti e gioielli costosi. Più tardi, semplicità e minimalismo divenne un appuntamento fisso del discorso ideologico americano. Costume di massa prodotta ha progredetto per simboleggiare virtuoso sistema politico americano. Un fenomeno molto importante che si è verificato durante la grande rinuncia maschile è stata la trasformazione di capi colorati sartoria di abbigliamento mediocre e scuro. Nero è stato originariamente utilizzato solo per abito ecclesiastico o uniformi militari. Tuttavia da circa 1830, nero pantaloni e pantaloni erano la regola. Il risultato è stato un 19 ° secolo che un buco di funerale-come perpetuo. Tuttavia, il nero era potente. Un abito nero stretto con democrazia associazione, etica erano bourgeois e potenzialmente più uguaglianza tra classi diverse tramite l’eliminazione dell’individualità.

l’idea chiave dietro la grande rinuncia maschile è il desiderio di tutti di dare un’impressione di proprietà sobrio, un’illusione di guadagnarsi il rispetto. Un evento importante che ha colpito la moda era la rivoluzione industriale. Il fatto ineludibile di emulazione sociale ha portato a una copia nel senso di abito di famiglie che prosperò nelle industrie manufatturiere, caricaturate come uomini alti sporchi con uno sguardo di ostilità dietro capelli neri, vestiti e facce. D’altra parte, abbigliamento fatto maggiore dalla macchina di lavoro, facilitata dalla meccanizzazione della macchina per cucire; Questo istigato la standardizzazione dell’abbigliamento maschile.

Breward punti all’idea che durante la grande rinuncia maschile, gli uomini ha adottato una versione sessuale, psicologica e fisica del corpo di limitazioni vittoriani, una negazione della natura umana. Lo sforzo dell’utilità sullo stile predominante è stato causato da cambiamenti politici nel periodo. La tendenza verso più vestito attuale è stato frutto di un nuovo ideale di lavoro è rispettabile. In precedenza, qualsiasi forma di lavoro legati alle attività economiche è stato respinto e considerato degradante per la dignità di quelle classi che principalmente moda. Lo slogan di “Libertà, uguaglianza, fraternità” era contro decorativo abito che era popolare prima della rivoluzione francese. La democratizzazione dell’abbigliamento è stata deviata dall’ossessione capricciosa auto verso una maggiore omogeneità sociale e coerenza.

è interessante analizzare gli effetti delle dimissioni del maschio sulla psicologia maschile. Il sacrificio di schermo però la creazione di una maggiore uguaglianza, negando gli uomini della loro intrinseca desideri narcisisti. Molti uomini sono stati studiati per essere completamente soddisfatto con la sua gamma di costumi, inumidire il suo amore esibizionista Visualizza la propria. Questo è stato assunto per essere potenzialmente dannosi per alcune influenze sociali, quali la concorrenza sessuale. Tuttavia, alla fine gli uomini accettano che l’uso del nero è diventato veramente un vantaggio nel gioco degli amori. Nero è stato considerato da Charles Darwin come una caratteristica dell’evoluzione sessuale. Anche nei tempi moderni, abbigliamento nero è associato con la possibilità di nascondere il grasso e per l’utente apparire più sottile. Infatti, colori vivaci, indossati dagli uomini erano e sono ancora un po’ di una deviazione nella fabbricazione delle prime impressioni, soprattutto con una rappresentazione sottostante di effeminatezza. Ancora oggi, questa tendenza è ancora sensibile. In Bridget Jones di Journal of de Helen Fielding, Mark Darcy diventa immediatamente poco attraente per Bridget quando introdotto perché hai visto un maglione con scollo a v con rombi in tonalità di giallo, rosso e blu.

nel XIX secolo, un gruppo di ultra moda uomo si alzò, Beau Brummell, prendendo l’iniziativa come uno dei più riconosciuti dandy. Altri personaggi degni di nota includono Oscar Wilde, Lord Byron e Charles Baudelaire. Questi uomini erano famosi per il loro aspetto e il loro modo di opposizione, definendo lo standard in definitiva aveva influenzato l’opinione pubblica sulla moda maschile. L’idea principale era che il dandy deve non in qualsiasi modo vestire ostentatamente per attirare l’attenzione. Al contrario, deve essere limitata in quel vestito, senza sfoggio di individualità con l’uso di combinazioni sorprendenti di abbigliamento. Dandy inglese indossava solo il nero, marrone o grigio e questa minimalista approccio paradossalmente divenne di sua proprietà. Il rifiuto di proiezione policroma in favore di rigidità, strettezza, ho controllato e anche il dolore era una caratteristica distintiva della bellezza del dandy. Dandy è semplicemente essere se stesso. Un’aria di freschezza insensibile con incrollabile volontà riguarda il tipico dandy – “un latente fuoco… che non ha fatto scoppiare in fiamme”.

l’introduzione formale della tuta tre pezzi è emerso nel XVII secolo alla Corte di Charles II, derivata da un modello francese. Rivalità economiche e politiche con il francese era centrale per la sua introduzione. I due tagli sono costituiti da leader costume 3 pezzi Croce costume e petto singolo costume in cui lati si incontrano solo nella parte anteriore da una fila di pulsanti. Come eccessi sartoriali maccheroni è venuto sotto attacco nella critica rivoluzionaria, un modo più semplicistico assunto come simbolo di virilità, oltre alla legittimità politica. Opposizione per il lusso e l’effeminatezza promosso più aveva inibito stile di visualizzazione.

molte opere letterarie sono state un contesto per l’emersione della grande rinuncia maschile. La bellezza di nero e un aspetto tranquillo e il suo gioco in selezione sessuale umana, astutamente notato da Bronte. Ad una festa data da Lord Rochester, record di Jane Eyre, che l’aspetto collettivo dei Cavalieri è molto suggestivo; tutti sono mascherati come nero. Jane Austen ha lavorato anche con personaggi enigmatici scuri, uno dei romanzieri femminili prima di trattare con riserva maschio. Personaggi come il signor Darcy, vestita in un vestito di acuta o cappotto di mattina, cappello e code plausibile potrebbero essere discendenti di eleganza della Beau Brummell.

anche se la grande rinuncia maschile ha avuto un enorme impatto sul modo uomini vestita nel 19 ° secolo, la discesa del metro sessuale maschio del XXI secolo sembra essere di proliferazione. Uomini come Beckham, Jude Law e Orlando Bloom sono stati nominati come sessuale sotterranee sulla base che coprono la moda, la cura della pelle, lo shopping e altri attributi associati femminilità. Una componente primaria del suo lavoro è basata sul suo aspetto rispetto alle loro capacità o di produttività. Tuttavia, sarebbe totalmente inadeguato prevedere l’abbandono della tuta come parte essenziale del guardaroba di un uomo. Di conseguenza, sartoriale assoluta parità tra uomini e donne non sembra uno scenario probabile in un prossimo futuro.

la grande rinuncia maschile può essere chiaramente definita da Flügel come un periodo di rifiuto estetico degli uomini in cerca di una maggiore uguaglianza e democrazia nella società e la rispettabilità nella sfera pubblica. L’adozione di stili semplicistici e mediocri del vestito e uso di nero come una scelta predominante di colore per giorno e notte erano effetti significativi della moda del 19 ° secolo. Non è necessariamente vero che tutte le forme della moda sono stati spazzati via fuori la forma estrema dell’argomento del Flügel. La sua formulazione non esiste senza la critica, come la mancanza di ricerche empiriche tra le classi sociali.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Potrebbero interessarti anche...